Embriologia

ICSI (iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi)

IMSI (iniezione intracitoplasmica di spermatozoi morfologicamente selezionati)

Il metodo di selezione dello sperma include l’esame morfologico degli spermatozoi ad alta risoluzione con microscopio ad immagine ingrandita di circa 5 volte in più rispetto a quello utilizzato fino ad ora.

Negli ultimi anni, il progresso della tecnologia ha consentito di allungare i tempi di attesa degli embrioni all’interno del laboratorio di embriologia, fino al 5° - 6° giorno dalla fecondazione.
Gli eventuali vantaggi del trasferimento in utero di embrioni al 5° giorno sono numerosi:

Il sistema EmbryoScopeTM è costituito da un incubatore in cui è riprodotto l’ambiente ottimale per la crescita embrionale, sotto il monitoraggio costante e di massima precisione di una videocamera. La quantità di luce che colpisce gli embrioni durante la ripresa fotografica è tale da non influire assolutamente sulla loro crescita.

Solitamente, si utilizza la crioconservazione di sperma per i seguenti motivi:

  • Fattore maschile di infertilità a causa di oligospermia
  • Casi di difficoltà nella produzione di sperma per assenza fisica o per motivi psicologici nel giorno del prelievo di ovociti,
  • Conservazione dello sperma in seguito a biopsia dei testicoli (TESE = Testicular Sperm Extraction).
  • Mantenimento della fertilità in uomini che devono essere sottoposti a chemioterapia.

La crescita di embrioni con l'utilizzo di ovociti crioconservati con la tecnica della vetrificazione è un metodo altrettanto efficace anche per gli embrioni prodotti da ovociti non crioconservati. La crioconservazione di ovociti è di estrema importanza nella riproduzione assistita, soprattutto nei casi in cui è addirittura di dovere, quando ci sono programmi di donazione di ovuli, in mancanza di sperma da parte del coniuge, oppure in casi di terapia di tumori e conservazione della fertilità in età avanzata.