Il test di gravidanza si effettua presso il Centro 14 giorni dopo l’embriotransfer, con il prelievo di sangue, alle ore 7-9 am. Provvederemo ad informarvi il più velocemente possibile!

Se l’esito è positivo, allora si programma un’ecografia transvaginale due settimane dopo per vedere l’embrione o gli embrioni. La gravidanza ottenuta con FIVET non differisce in nulla da qualunque altra gravidanza e quindi non sono richieste precauzioni particolari. Inoltre, è opportuno sottolineare che qualunque gravidanza risultante con FIVET o con concepimento fisiologico, è soggetta, purtroppo, ad una percentuale di aborti, che è del 15-20%.

La maggior parte delle volte, sono ignote le cause dell’aborto, anche se si ritiene che l’embrione presentasse delle anomalie cromosomiche, incompatibili con la vita. Non è possibile prevedere questa situazione e neanche affrontarla con medicinali. Da notare, inoltre, che l’aborto spontaneo si osserva molto più frequentemente nelle donne di età più avanzata.

Se il test ha un risultato negativo, siamo assolutamente certi che il team scientifico esaminerà insieme a voi dettagliatamente tutto il ciclo effettuato, per studiare attentamente le prospettive future.

In generale, si ritiene che una coppia ottimizza le sue probabilità di successo dopo 3-4 tentativi seri al massimo, quando le percentuali di successo raggiungono il 65-70%. Di conseguenza, siamo contrari ad una serie interminabile di tentativi infruttuosi, per cui, dopo aver dettagliatamente analizzato i casi e le prospettive, è opportuno indicare alla coppia una soluzione alternativa.

Inoltre, consigliamo sempre di lasciar trascorrere un periodo di 2-3 mesi tra un tentativo e l’altro. Questo periodo è indispensabile per dare alla coppia il tempo di riprendersi sia dal punto di vista psicologico che da quello fisico.

In ogni caso, non esitate ad esporci tutte le vostre problematiche e preoccupazioni e, se lo ritenete necessario, potete consultare il nostro psicologo.